Officina del Network Marketing - Credere nel Network Marketing

In questo articolo cercheremo di accostare il concetto di “Credere” all’attività di Network Marketing.

Tranquillo, non siamo impazziti, non stiamo cercando di paragonare il Network Marketing ad una religione! 😛

Stiamo solo cercando di farti capire come il credere in quello che facciamo influenzi in modo importante la riuscita di ogni nostro progetto, compreso quello della nostra attività.

Per cui seguici, in quanto, alla fine dell’articolo avrai ben chiaro come usare concretamente il concetto di credere per rendere più efficace il tuo business.

Pronto? Iniziamo!

Il concetto di credere applicato al quotidiano

Officina del Network Marketing - Il concetto di credere applicato al quotidiano
Designed by Freepik

La parola credere abbinata al concetto di Network Marketing può sembrare una nota stonata.

Siamo abituati ad assimilare questa parola alla religione, ad esempio, o a qualsiasi cosa che non si può vedere, toccare o dimostrare e che necessita quindi della nostra completa fiducia per poter essere professato.

Il Network Marketing, che nell’immaginario delle persone è assimilabile a concetti come fare soldi, business, impresa, attivi…è senz’altro lontano da tutto ciò che ha a che fare con la fede…e quindi con il credere.

In realtà, se riflettiamo meglio sul concetto di credere in modo più ampio, ci renderemo conto che è necessario avere fiducia o fede in tutto ciò che facciamo nella vita e che vogliamo riesca al meglio.

In poche parole è necessario credere in quello che facciamo affinché i nostri obiettivi si realizzino.

Partendo da questo presupposto possiamo fare vari esempi per capire meglio che il concetto di credere non riguarda solo l’aspetto religioso ma ogni ambito della nostra vita:

  • Avviare un’attività in proprio: che sia un negozio, uno studio professionale, una collaborazione in società o una piccola impresa, parte tutto dal credere che quella idea sia una “buona idea”, che quel settore valga i propri soldi e le proprie energie

  • Iniziare un percorso di studi: oltre che dalla predisposizione o passione per l’argomento di studio, parte tutto dal presupposto che crediamo di poter portare a termine quel percorso e che già ci visualizziamo al termine dell’impresa con il nostro diploma/laurea in mano, pronti a mettere in pratica quello che abbiamo imparato

  • Sposarsi o mettere su famiglia: questo caso è l’applicazione del credere per eccellenza.

    Nessuno ci assicura che la persona che abbiamo scelto è davvero quella giusta per noi, che sarà sempre al nostro fianco e che sarà in grado di attraversare insieme a noi gli alti e bassi della vita.

    Nessuno ci assicura che non ci innamoreremo di qualcun altro o che i nostri figli saranno esattamente come ci aspettiamo o non si metteranno mai nei guai o mai ci deluderanno.

    Nessuno ci garantisce niente di tutto ciò.

    Eppure la maggior parte delle persone fa comunque queste scelte.

    Perché crede che andrà tutto bene, perché vuole credere nei sentimenti e nelle buone intenzioni dell’altra persona

Potremo fare centinaia di esempi simili, ma il concetto è che il credere è alla base di ogni azione della nostra vita e non solo nelle grandi decisioni, ma anche e soprattutto nel quotidiano.

Ecco perché non dobbiamo storcere il naso nell’associare il concetto di Network Marketing con quello del credere, anzi in questo genere di attività è davvero importante sviscerare l’argomento per comprenderlo bene.

Quanto credi in quello che fai?

Officina del Network Marketing - Quanto credi in quello che fai
Designed by Freepik

Ricordiamo che nelle attività di Network Marketing manca la fisicità del lavoro tradizionale, non ci sono uffici e cartellini da timbrare, non ci sono orari imposti e capi che ci dicono quello che dobbiamo fare, non abbiamo un contratto che ci indica quanto percepiremo di stipendio ogni mese.

Questa flessibilità è sicuramente la forza di questo genere di attività, ma il risvolto della medaglia è che dipende tutto da noi.

Avremo dei supporti fissi come l’azienda di riferimento e il sistema di impresa, ma la gestione operativa del lavoro è una nostra decisione.

E’ qui che entra in gioco il nostro credere!

E’ davvero fondamentale, una volta definiti i nostri obiettivi, credere fermamente di poterli raggiungere, credere nel nostro successo e nelle nostre capacità per arrivare fin dove ci siamo prefissati.

E il credere va sicuramente allenato, perché se è vero che abitualmente facciamo scelte dettate dal credere, è altrettanto vero che non siamo abituati e fissare degli obiettivi e credere di poterli raggiungere.

Credere nel nostro obiettivo richiede energia e metodo, quindi eccoti tre semplici punti che ti aiuteranno ad allenare questa capacità:

  • Immagini

    Il nostro cervello è un organo che più stimoli riceve e meglio funziona.

    Aiutiamolo a ricordarsi di quello che vogliamo e in cui crediamo con delle immagini semplici ed esplicative dei nostri obiettivi.

    Troviamo delle immagini rappresentative che smuovano dentro di noi la voglia di ottenere quello che vogliamo, stampiamole e attacchiamole in casa nei punti che guardiamo più spesso e dove siamo sicuri che le vedremo

  • Autofocalizzazione

    Spesso la scarsa capacità di credere nella propria riuscita, deriva da scarsa autostima dovuta magari a fallimenti del passato.

    Quindi anche se ci può sembrare stupido o patetico, l’unico modo per convincere il nostro subconscio che ce la possiamo fare è…ripeterglielo.

    Ogni giorno, ogni volta che possiamo, meglio se a voce alta, dobbiamo ripeterci frasi che stimolano il nostro cervello verso il positivo e verso la nostra riuscita.

    Sarà poi lui di conseguenza, attraverso la ripetizione, ad influenzare il nostro subconscio.

    Scegli le tue frasi, quelle che funzionano per te, ad esempio:

    • “sono un grande network builder e avrò una grande organizzazione”
    • “sono in grado di raggiungere ogni obiettivo che mi prefiggo”
    • “mi piaccio perché sono una bella persona e tante altre persone vorranno lavorare con me”
    • “sono un leader, sono corretto e rispettoso degli altri e a tutti piace collaborare con me”

    Usa sempre frasi volte al positivo, niente negazioni. Il nostro cervello non capisce la parola “non”!

  • Step by step

    Il credere è come un fuoco che si alimenta tramite i nostri successi.

    Più riusciamo, più sfide portiamo a termine con successo, più il nostro credere diventa indistruttibile.

    Poniti quindi nella tua attività, così come nella vita, degli obiettivi raggiungibili e con una scadenza realistica.

    Ad esempio, se il tuo obiettivo è fare la maratona, ma hai il fiatone dopo 10 minuti di corsa, è improbabile che tu possa partire domani e tentare l’impresa senza fallire.

    Gli obiettivi che ti poni devono essere realistici e realizzabili.

    Fai la tua pianificazione giornaliera, settimanale, mensile e a lungo termine (ad esempio 5 anni), metti delle date e inizia a mettere una bandierina dopo l’altra sugli obiettivi raggiunti.

    Ad ogni successo il tuo credere crescerà perché il tuo cervello inizierà e rieducare il subconscio sulla base delle nuove esperienze positive acquisite

Ti consigliamo di leggere qualche autobiografia di persona di successo per renderti conto che il filo conduttore è sempre la capacità di credere fermamente nella propria riuscita, indipendentemente dall’opinione altrui o dalle circostanze avverse.

“È la mancanza di fede che rende le persone paurose di accettare una sfida, e io ho sempre avuto fede: infatti, credo in me.”

Muhammad Ali

Se quest’articolo ti è stato utile, lasciaci un commento o metti un “Like” sulla nostra pagina Facebook!

Buon Network!

Andrea & Emanuela

Credits

Featured image designed by Freepik

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.